Consulenze Gratuite

I nostri utenti, la nostra attenzione più grande.

Non una frase fatta, ma uno dei nostri più solidi valori di riferimento: Stilelibero, in collaborazione con il Poliambulatorio Specialistico Fisiosport Terraglio di Mestre, ha elaborato una modalità di presa in carico della persona in condizione fisica non ottimale, dai fastidi fisici più comuni (mal di schiena, cervicalgia, dolori muscolari persistenti) fino alla disabilità vera e propria, acquisita o congenita.

Avvalendosi della consulenza iniziale della Dott.ssa Elena Pinton, massofisioterapista, osteopata e specialista del movimento, verrà stabilito un progetto individualizzato, che attraverso differenti livelli e tipologie di attività – sia riabilitative che motorie – miri ad un miglioramento della qualità della vita e ad un maggiore livello di benessere consapevole.

Le date delle consulenze sono: 15 e 29 gennaio, 12 e 26 febbraio, 11 e 25 marzo, 8 e 22 aprile, 6 e 20 maggio, 3 e 17 giugno.

Prenota in segreteria Stilelibero o allo 0422 633870

 

I PERCORSI

• Presa in carico: consulenza gratuita con la dott.ssa Pinton

• Individuazione della strategia e pianificazione condivisa con i Tecnici

• Dove necessario, ciclo di fisioterapia individuale o di gruppo sia in piscina che in palestra

• Rivalutazione medico-specialistica al termine del ciclo riabilitativo: viene valutata l’eventuale reiterazione del ciclo, la sua rimodulazione o l’eventuale attivazione al di fuori del circuito sanitario di un iter di mantenimento e/o ottimizzazione dei risultati conseguiti, tramite prescrizione di percorsi specifici di Attività Fisica Adattata in piscina e/o in palestra, affidati a laureati in scienze motorie e/o Tecnici della Riabilitazione con specifica formazione in ambito A.F.A, con piena condivisione dei programmi di lavoro previsti

• L’attività viene coordinata dal medico specialista e svolta in piccolo gruppo formato da utenti affetti da patologia omogenea, indirizzati verso obiettivi comuni.

I percorsi sono attivi sia in piscina che in palestra, individuati da protocolli standard per aree omogenee

AFA posturale

AFA per i malati di Parkinson

AFA per i malati di Sclerosi Multipla

AFA antalgica

AFA per persone emiplegiche

 

Sono previste anche attività di tipo individualizzato in acqua, con la supervisione di un fisioterapista e messe in pratica da parte di istruttori di nuoto specificamente formati (creazione di piccoli gruppi di lavoro).

Il percorso A.F.A. esprime delle importantissime valenze sul piano della socialità, con fondamentali ricadute sul piano dell’autostima e di una ritrovata possibilità/capacità/stimolo di relazione, elementi la cui incidenza sul piano del progresso riabilitativo, dell’autonomia personale e sul conseguente sgravio dai circuiti a carico del S.S.N. (spesa farmaceutica, circuitazione reiterata in ambito sanitario diretto, esigenze assistenziali etc etc) sono ampiamente comprovate dalla letteratura scientifica.

Tramite il percorso A.F.A., all’utente può essere conseguentemente proposta una doppia opzione:

1) PROSECUZIONE DELL’ATTIVITA’ DI GRUPPO A SCOPO LUDICO-MOTORIO, quindi a valenza contemporaneamente sociale e motoria;

2) PROSECUZIONE DELL’ATTIVITA’ IN AMBITO SPORTIVO per gli utenti che manifestino determinate caratteristiche fisiche e/o attitudinali.

In un lavoro di équipe con gli istruttori qualificati della struttura, nei casi che ne presentino le caratteristiche viene valutato l’accesso ai programmi Paralimpici (disabilità di tipo fisico e/o intellettivo-relazionale), sia in ambito natatorio che extra-natatorio. In un successivo step, viene valutata l’attitudine dell’utente ad intraprendere un’eventuale attività di tipo agonistico, con un’offerta che può posizionarsi a più livelli eventualmente scalabili, dal Base all’Eccellente.